Link restauro vetrate
Galleria dei sottovetri
Il restauro dei sottovetri
Il restauro delle vetrate
Realizzazione delle vetrate
Glossario
Glossario architettonico
Racinet

Apparati Glossario architettonico

O
Il GLOSSARIO presenta - riadattate - delle voci tratte da volumi pubblicati agli inizi del novecento. In particolare si rimanda a: Sacken - Brayda, Stili di architettura, quarta edizione modificata ed ampliata da Enrico Bonicelli, Torino, Casa Editrice Giovanni Chiantore, 1927.

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L
M
- N - O - P - Q - R - S - T - U - V - Z

 

O

Obelisco. Pilastro monolitico, con base rettangolare che si restringe nella parte superiore. Sono rinomati quelli dell'Egitto decorati di geroglifici.
Ocarelle. Elementi in ferro o in bronzo destinati a fermare gli scuri o le persiane quando sono spalancate. Sono anche chiamati fermaimposta.
Occhio, Oculo. Apertura circolare od elittica, praticata in una parete o in una cupola. -della voluta; il centro o l'origine della voluta.
Odeon. Piccolo edificio presso i Greci ed i Romani, a pianta rettangolare con colonne, dove avevano luogo i concorsi di poesia e di musica.
Ogiva. Nervature o costoloni di una volta a crociera gotica e poi termine usato per indicare l'arco a sesto acuto.
Opistodomo. Termine usato per indicare nel tempio greco l'ambiente costruito sul lato ovest somigliante al pronao in base al principio di simmetria. Aperto all'esterno era di rado comunicante con la cella e serviva come deposito delle offerte votive o per custodire i tesori.
Opus. Termine usato per indicare i diversi tipi di opere murarie come: o. alexandrinum, o. arenatum, o. caementicium, o. incertum, o. interrasile, o. latericium, o. mixtum, o. reticulatum, o. sectile.
Opus alexandrinum. Pavimentazione a tasselli di marmo di due colori a base di mosaico.
Opus caementicium. Muro costituito con una gettata di pozzolana (polveri vulcaniche) quale legante di materiale incoerente, di sassi e frammenti di mattoni.
Opus incertum. Muro costituito da due parametri esterni in blocchi di pietra squadrati e successivamente in blocchetti di tufo piramidali squadarti alla meglio, contenenti un nucleo centrale formato da un calcestruzzo a base di scaglie di pietra.
Opus mixtum. Murature miste di mattoni o tufo; in particolare l'opus mixtum formato da strati di opus reticulatum o di liste di mattoni.
Opus quadratum. Muro etrusco in blocchi di tufo disposti a strati alternati uno per lungo ed uno per largo (IV sec. A.C.).
Opus reticulatum. Perfezionamento dell'opus incertum, ottenuto regolarizzando la faccia quadrangolare dei prismi di tufo in modo che i lati risultino a quarantacinque gradi rispetto al suolo, realizzando cos un vero e proprio reticolato.
Opus signum. Pavimentazione romana in coccio pesto usata per ambienti modesti.
Opus sectile. Pavimentazione di marmi policromi a disegni geometrici.
Opus spicatum. Pavimentazione di mattoni disposti per taglio a spina.
Opus testaceum, Latericium. Murature costituite esclusivamente da mattoni cotti.
Orchestra. Nei teatri greci, luogo ove stava il coro, nei romani, luogo dove i Senatori e le Vestali assistevano alle rappresentazioni ; nei moderni, luogo dove stanno i suonatori.
Ordine. Sistema architettonico, disposizione proporzionata, che l'artefice d alle parti dell'edificio. Si contraddistingue dal tipo di colonna e di trabeazione, in: dorico, ionico, corinzio, tuscanico.
Orecchione. Ripiegatura della cornice di porte e finestre.
Ornamento. Nome particolare di alcuni membri d'architettura, come foglie, fiori, cartocci, volte, ed altri.
Ortostata
. Lastra o blocco di pietra squadrata disposto nel senso della lunghezza del muro; in particolare gli o. posti verticalmente formano lo zoccolo.
Ossatura. Lo scheletro di una costruzione, come ad esempio gli archi diagonali, gli archi doppi, o sporgenti, quelli della volta, e tutte le altre nervature.
Ottastilo. Disposizione di un edificio con otto colonne. Il Partenone di Atene ed il Panteon di Roma sono ottastili.
Ovolo. Vedi Echino.